Home RicetteAccompagnamenti Taralli crudisti al pomodoro

Taralli crudisti al pomodoro

di Lorena La Rocca
Alcuni taralli crudisti in primo piano, sullo sfondo dei pomodori rossi.

Era già da un po’ che non scrivevo una ricetta 🙂 Ultimamente gestire Ricette Crudiste è diventato un bell’impegno, ma cercherò di condividere sempre con voi tutto quello che preparo.

Sono tornata con un must della cucina italiana: i taralli! Di origine pugliese, sono caratterizzati dall’aspetto dorato e dal buonissimo sapore. Ne esistono di tantissimi tipi, io ho deciso di farne una versione al pomodoro e basilico. Effetivamente ricordano molto il gusto pizza 😀

Un piatto con semi di lino. Accanto alcuni pomodori, basilico e una cipolla su tovaglia blu a righe.
Il procedimento è davvero molto semplice. Dovrete frullare i semi di lino fino a formare una farina e poi aggiungere tutti gli altri ingredienti (davvero pochi) e come ultimo passaggio: l’essiccazione. Eh si, avrete bisogno di un essiccatore o se volete proprio provare, potete utilizzare il forno elettrico. Mantenendo la temperatura bassa e lo sportello socchiuso otterrete lo stesso risultato. Occhio ai costi però  😉 Il forno ha dei consumi molto più alti di un essiccatore.

Alcuni taralli crudisti in primo piano, sullo sfondo dei pomodori rossi.

Alcuni taralli crudisti in primo piano, sullo sfondo dei pomodori rossi.

In ogni caso, vi consiglio assolutamente di farli! Sono buonissimi! L’unico problema è che durano poco 😀 I miei sono finiti durante una cena. Il mio consiglio è di prepararne in abbondanza, si mantengono benissimo in un sacchetto di carta anche per una settimana.

Fatemi sapere se la ricetta vi è piaciuta, e se tra di voi c’è qualche pugliese, mi aspetto qualche utilissimo consiglio 😉

Alcuni taralli crudisti in primo piano, sullo sfondo dei pomodori rossi.

Taralli crudisti al pomodoro

Era già da un po’ che non scrivevo una ricetta 🙂 Ultimamente gestire Ricette Crudiste è diventato un bell’impegno, ma cercherò di condividere sempre con voi tutto quello che preparo.… Accompagnamenti Taralli crudisti al pomodoro Italiana Stampa
Porzioni: 2 Tempo di preparazione: Tempo di essiccazione / refrigerazione:
Nutrition facts: 200 calories 20 grams fat
Valuta 5.0/5
( 1 votato )

INGREDIENTI

  • 300 gr. di semi di lino
  • 4 pomodori medi
  • 70 gr. di pomodoro secco
  • 1 cipolla piccola
  • 10 foglie di basilico
  • 2 rametti di rosmarino fresco
  • 4 cucchiai di olio evo
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.

INDICAZIONI

  1. Mettere a bagno i pomodori secchi per almeno 15 minuti. Intanto, frullare i semi di lino fino a ottenere una farina.
  2. Frullate a parte tutti gli altri ingredienti e aggiungere infine la farina di semi di lino.
  3. Impastate il composto con le mani e creare delle palline da circa 5 cm e stendere in modo da dare la forma di un grissino.
  4. Tagliare in tocchetti di 7 cm e arrotolare come a formare un cerchio.
  5. Essiccate per 16 ore o più, in base alla croccantezza raggiunta.

CIBO CRUDO CIBO CRUDO

You may also like

4 commenti

Giada 14 Dicembre 2015 - 21:59

Ciao! non sono pugliese ma vivo in Salento e l’unico piccolo consiglio che mi sento di darti è di farli anche con i semi di finocchio! 😉
un abbraccio e complimenti per le ricette!
ovviamente converrai con me che per una buona “salute crudista” queste ricette sono un pò troppo grasse…ma come sfizi e leccornie…sono fantastiche!!!

Rispondi
Lorena La Rocca 14 Dicembre 2015 - 23:19

Ciao Giada! Grazie del suggerimento! Proverò sicuramente 🙂

Concordo con te, mangiare crudo non vuol dire ricette complicate e “cariche” di ingredienti, ma ogni tanto può essere un buon modo per coccolarsi con qualcosa di diverso.

Grazie mille!

Rispondi
Stefania 18 Marzo 2019 - 08:42

Se nn ho l’essicatore come faccio?

Rispondi
Gabriele 17 Settembre 2019 - 10:42

Ciao Stefania, senza essiccatore è effettivamente difficile. A volte si consiglia l’uso del forno a bassa temperatura e con lo sportello aperto, ma è poco ecologico e ha consumi molto alti.
Questo è un ottimo essiccatore per cominciare e non ha costi così eccessivi. Ce ne sono anche intorno ai 40 €, ma per nostra esperienza personale non valgono quei soldi.

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza. Crediamo tu sia d'accordo, ma puoi sempre decidere il contrario se lo desideri. Accetto Leggi di più