Home RicetteAccompagnamenti Cracker crudisti alla pizzaiola

Cracker crudisti alla pizzaiola

di Lorena La Rocca
Cracker crudisti alla pizzaiola su un tagliare di legno, accanto due pomodori rossi.

Tra tutte le ricette crudiste i cracker sono forse tra tra i più ricercati. Ne ho fatti talmente tanti in questi anni che ormai potrei farli anche ad occhi chiusi. Stranamente però, non ho mai pubblicato una ricetta.

Cracker crudisti alla pizzaiola su un tagliare di legno, accanto due pomodori rossi.
Comincio allora con questa ricetta ormai collaudatissima: cracker alla pizzaiola! Sono veramente buoni. Contengono pochi ingredienti e di facile reperimento, tra cui i pomodori, semi di lino e origano. Il procedimento è velocissimo, si frullano gli ingredienti e si stende il composto nei ripiani dell’essiccatore. Dopo circa 10 ore di essiccazione potete gustarli come più preferite.

Semi lino, pomodori, origano e cipolla sopra un tagliere

Farina di semi di lino all'interno di una ciotola

Cracker crudisti appena stesi e tagliati

Cracker crudisti alla pizzaiola su un tagliare di legno, accanto due pomodori rossi.
Sono ottimi per accompagnare salse o insalate o da sgranocchiare anche da soli. Io spesso li mangio con una maionese di avocado davvero buonissima 😉

E voi preparate già i cracker crudisti? Come li preferite?

Cracker crudisti alla pizzaiola su un tagliare di legno, accanto due pomodori rossi.

Cracker crudisti alla pizzaiola

Tra tutte le ricette crudiste i cracker sono forse tra tra i più ricercati. Ne ho fatti talmente tanti in questi anni che ormai potrei farli anche ad occhi chiusi. Stranamente… Accompagnamenti Cracker crudisti alla pizzaiola USA Stampa
Porzioni: 8 Tempo di preparazione: Tempo di essiccazione / refrigerazione:
Nutrition facts: 200 calories 20 grams fat
Valuta 5.0/5
( 1 votato )

INGREDIENTI

  • 300 gr. di semi di lino
  • 4-5 pomodori
  • 1/2 cipolla piccola
  • 1 cucchiaino di origano
  • 1 cucchiaio d'olio
  • sale e pepe
  • semi di girasole per guarnire q.b.

INDICAZIONI

  1. Frullare i semi di lino fino ad ottenere una farina.
  2. A parte frullare i pomodori insieme al resto degli ingredienti, tranne i semi di girasole.
  3. Unire gli ingredienti e impastare con le mani.
  4. Stendere il composto tra due fogli di carta da forno e appiattire con mattarello fino a raggiungere lo spessore di circa 2-3 mm.
  5. Tagliare la sfoglia a quadrati e cospargere la superficie di semi di girasole.
  6. Con il mattarello appiattire i semi di girasole sul composto.
  7. Mettere in essiccatore alla temperatura di 42° per 10 ore.

NOTE

Potete sostituire i semi di girasole con altri semi tipo: sesamo, zucca, papavero, ecc.

CIBO CRUDO CIBO CRUDO

You may also like

8 commenti

clibi 18 Marzo 2016 - 11:45

Adoro la cucina crudista, soprattutto con le ricette in grammi 🙂

Rispondi
Lorena La Rocca 18 Marzo 2016 - 15:50

Bene 🙂 Cerchiamo sempre di accontentare tutti 😉

Rispondi
Cristina 11 Febbraio 2017 - 09:31

Tutti i crakers crudisti sono molto grassi essendo a base di semi oleosi? Non c è un modo alternativo ai semi oleosi? Grazie

Rispondi
Gabriele 10 Aprile 2017 - 09:34

Ciao Cristina, i semi mangiati nelle giuste quantità danno il corretto apporto di grassi all’organismo.
Puoi sempre fare cracker di verdura o ridurre la quantità di semi e usare più verdure.

Rispondi
Berlino vegan crudista 29 Agosto 2017 - 00:48

[…] e una crema di avocado; l’altro a base di verdure, funghi e avocado. Entrambi serviti con cracker crudisti, davvero ben fatti e […]

Rispondi
Tina 17 Gennaio 2018 - 07:16

Ciao a me il sapore dei semi di lino proprio non mi va giù, posso diminuire e aumentare con altri semi oppure sostituire? Vengono lo stesso?grazie

Rispondi
Chiara 25 Dicembre 2019 - 11:38

Ciao ho fatto i kracher crudisti ma non sono riuscita a staccarli dai fogli di carta da forno ,ho dovuto buttare via tutto ,mi sa che ho sbagliato qualcosa

Rispondi
Lorena La Rocca 18 Gennaio 2020 - 17:10

Ciao Chiara, forse in base a come ti è venuto l’impasto si possono attaccare. Con i fogli dry silk non dovrebbe capitare mai, perché l’impasto scivola sopra e piuttosto cambia forma ma non si attacca.

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza. Crediamo tu sia d'accordo, ma puoi sempre decidere il contrario se lo desideri. Accetto Leggi di più