Home RicetteDolci Torta paradiso crudista

Torta paradiso crudista

di Lorena La Rocca
Una fetta di Torta Paradiso crudista all'interno di un piatto azzurro.

Ho realizzato questa torta un po’ di tempo fa, ma aspettavo il momento giusto per pubblicarla. Penso sia arrivato. Il clima autunnale mi fa sempre venire voglia di una coccola in più, e la dolcezza sincera di una dolce “paradisiaco” come questo è perfetta.

Se poi porta proprio questo nome: “torta Paradiso, un motivo ci dev’essere 😀 E’ abbastanza semplice da preparare, si compone di due parti: una parte di “pan di spagna” e uno di crema alla vaniglia, davvero deliziosa.

Una fetta di Torta Paradiso crudista all'interno di un piatto azzurro. In primo piano una forchetta con parte del dolce.
La parte più sorprendente è quella dello pseudo “zucchero a velo”, è sostituito con la farina di cocco finissima. Io la compro su CacaoPuro ma ormai credo si trovi anche al NaturaSì o altri negozietti del genere. Ha un ottimo profumo, ricorda i biscotti appena sfornati.

Una fetta di Torta Paradiso crudista all'interno di un piatto azzurro. In primo piano una forchetta con parte del dolce.
La cosa fantastica dei dolci crudisti è la totale assenza di glutine, questa torta infatti è perfetto per le persone celiache. Una torta così si porta ad una merenda con le amiche, mentre si sorseggia una tisana, possibilmente crudista, e si fanno sane chiacchiere tra donne 😉

Una fetta di Torta Paradiso crudista all'interno di un piatto azzurro.

Torta paradiso crudista

Ho realizzato questa torta un po’ di tempo fa, ma aspettavo il momento giusto per pubblicarla. Penso sia arrivato. Il clima autunnale mi fa sempre venire voglia di una coccola… Dolci Torta paradiso crudista Italiana Stampa
Porzioni: 4 Tempo di preparazione: Tempo di essiccazione / refrigerazione:
Nutrition facts: 200 calories 20 grams fat
Valuta 5.0/5
( 1 votato )

INGREDIENTI

Base

  • 130 gr. di mandorle
  • 50 gr. ci scaglie di cocco
  • 3 datteri denocciolati

Crema

  • 150 gr. di anacardi non tostati e salati
  • 50 gr. di olio di cocco
  • 1 limone (succo e buccia grattugiata)
  • 1/2 cucchiaino raso di vaniglia in polvere biologica
  • 5 datteri denocciolati

INDICAZIONI

Per la base

  1. Mettere in ammollo le mandorle e gli anacardi separatamente per una notte.
  2. Al momento della preparazione sciacquare le mandorle e asciugarle con un panno.
  3. Frullare le mandorle con un robot da cucina, comprese di pellicina esterna, fino ad ottenere una farina.
  4. A parte frullare le scaglie di cocco per ottenere una farina.
  5. Tenere in ammollo i datteri per 30 minuti. Frullarli fino ad ottenere una crema.
  6. Unire le farine di mandorla, di cocco e la pasta di datteri.
  7. Impastare con un cucchiaio e stendere un primo strato all’interno di un coppapasta rettangolare di circa 15x15cm.
  8. Non serve pressare troppo, lo strato deve risultare soffice.

Per la crema

  1. Frullare gli anacardi ammollati e sciacquati, insieme al succo del limone, l’olio di cocco la vaniglia e i datteri.
  2. Frullare il composto fino al raggiungimento di una crema liscia e omogenea. Attenzione alla temperatura, fermatevi e riprendete se vedete che si scalda troppo.
  3. Se dovesse risultare troppo compatta, aggiungere un po’ d’acqua.
  1. Finita la crema, aggiungere uno strato di circa 2 cm allo strato della “base” precedentemente fatto, e riporre in congelatore per 30 minuti.
  2. Trascorso il tempo necessario, aggiungere l’altro strato della preparazione “base” facendo attenzione a non premere eccessivamente sulla crema.
  3. Spolverare la superficie con farina di cocco e riporre in congelatore per 30 minuti.

You may also like

6 commenti

Antonella 25 Settembre 2015 - 17:55

Sei bella e brava, complimenti e buon lavoro.

Rispondi
Milena 26 Settembre 2015 - 14:01

Ciao Lorena,le tue ricette sono molto interessanti! Volevo farti una domanda: nei dolci crudisti vedo sempre i datteri come ingrediente,ma non fanno parte della frutta locale e quindi come molta frutta secca sono trattati con sostanze chimiche…non c è un ingrediente alternativo?

Rispondi
Lorena La Rocca 19 Ottobre 2015 - 08:40

Ciao Milena, scusa il ritardo, mi ero persa il tuo commento. I datteri biologici solitamente non sono trattati con nessuna sostanza chimica, ma se preferisci puoi utilizzare dell’altra frutta essiccata, tipo: uvetta, albicocche, prugne, fichi, ecc.

Rispondi
Laura 4 Ottobre 2015 - 02:40

che tristezza

Rispondi
Elisabetta 17 Ottobre 2015 - 10:02

Ho appena ho fatto questa torta, la crema non mi e’ venuta bianca ma color nocciola (datteri, vaniglia ecc… ), il sapore pero’ e’ buono. Sullo strato superiore non ho resistito di spolverare un po’ di cacao crudo e poi la farina di cocco… 😛
p.s.i datteri bio non hanno nessuna sostanza chimica!

Rispondi
Lorena La Rocca 19 Ottobre 2015 - 08:37

Ciao Elisabetta! Davvero è venuta color nocciola? Strano, la mia è venuta molto bianca, ma l’importante è il gusto 😉

Hai fatto bene ad aggiungere il cacao, può essere un’ottima aggiunta.
Hai ragione sui datteri, quelli biologici non sono trattatati.

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza. Crediamo tu sia d'accordo, ma puoi sempre decidere il contrario se lo desideri. Accetto Leggi di più