Home BlogAlimenti 5 motivi per cui mettere in ammollo i semi e le noci

5 motivi per cui mettere in ammollo i semi e le noci

di Lorena La Rocca
Un cestino di noci miste e qualcuna sulla superficie del piano.

Noci, semi e frutta a guscio sono alimenti altamente nutrizionali. Nel crudismo è pratica ricorrente metterli in ammollo. Questo comporta numerosi vantaggi, che non si limitano ad una maggiore semplicità di utilizzo, come nel caso di preparazioni di pietanze crudiste, ma aumentano notevolmente l’apporto di nutrienti all’organismo.  Per accedere completamente al profilo nutrizionale, dobbiamo liberarli dalle tossine naturali che li proteggono, attraverso il processo di reidratazione.

5 vantaggi per cui ammollare i semi e le noci

  1. Per ridurre o eliminare l’acido fitico e i tannini
  2. Per neutralizzare gli inibitori enzimatici
  3. Per aumentare la quantità di vitamine
  4. Per apportare maggiori nutrienti al nostro organismo
  5. Per renderne più gradevole il sapore

Il motivo per cui questi alimenti hanno bisogno di idratazione è dovuto alla specificità dei semi in natura. Essi si proteggono naturalmente da insetti e microorganismi attraverso sostanze “tossiche” come acido fitico e tannini che si trovano nella sottile buccia esterna. Queste sostanze proteggono i semi e si annullano quando si creano le condizioni ideali di umidità, dando vita ad una nuova pianta. E’ la magia della vita 🙂

Questo fenomeno protettivo naturale è una cosa meravigliosa per la sopravvivenza degli alimenti. Ma se non neutralizzato prima dell’utilizzo e consumo da parte dell’uomo, può causare problemi all’apparato digerente, ovviamente se consumati in grandi quantità. Avete mai notato un fastidioso mal di stomaco dopo aver mangiato molte noci o semi? Le sostanze tossiche che proteggono cereali, noci e semi agiscono come inibitori dell’enzima nel processo digestivo umano. Questo processo è reso possibile dagli enzimi digestivi che permettono di processare proteine, grassi, e carboidrati. I componenti che si trovano nello strato protettivo dei semi vanno in contrasto cercando di difenderli e cominciano una vera e propria guerra, così facendo interferiscono con la chimica della nostra attività enzimatica.

La pratica dell’ammollo di frutta a guscio e semi aumenta il contenuto nutrizionale di vitamine come la vitamina A, C, e in particolare quelle del gruppo B. Inoltre la reidratazione amplifica  e migliora il gusto e la consistenza.

Come procedere

I semi e le noci hanno diversi tempi di ammollo. Se vi attenete alle 8 – 12 ore va più che bene. Ricordatevi di usare un contenitore capiente, i semi e le noci infatti aumenteranno di volume. Trascorso il tempo necessario, buttate l’acqua di ammollo, che contiene tutte le tossine naturali, e risciacquate abbondantemente. Ricordatevi di consumare i semi e le noci reidratate in minor tempo rispetto a quando sono secchi. Nel caso non doveste riuscire a consumarli subito, teneteli in ammollo con acqua pulita in frigorifero.

Voi cosa ne pensate? Mettete sempre in ammollo semi e noci? Se si, avete qualche consiglio da condividere con noi?

You may also like

1 commento

Gabriele 28 Maggio 2015 - 21:05

Articolo davvero interessante. Vedevo giusto ieri alcune foto di residui dell’ammollo di noci. Credo dopo l’ammollo si possano essiccare per riuscire a conservarli più a lungo.

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza. Crediamo tu sia d'accordo, ma puoi sempre decidere il contrario se lo desideri. Accetto Leggi di più