Home RicetteDolci Bounty al cocco crudisti

Bounty al cocco crudisti

di Lorena La Rocca
4 cioccolatini poggiati su un piatto e uno di questi tagliato a metà lascia intravedere il ripieno al cocco

Chi non conosce il Bounty? Il delizioso snack da gustare a merenda o magari a fine pasto. Ve ne propongo una versione più salutare con questi cioccolatini crudisti ripieni al cocco. È risaputo, infatti, che i prodotti confezionati sono pieni di conservanti e coloranti per non parlare di zuccheri e grassi dannosi.

Per questa ricetta è indispensabile l’olio di cocco. Potete trovarlo sul web, al NaturaSì (supermercati biologici ormai presenti in tutta Italia) o in erboristeria. Vi consiglio di prenderlo biologico. L’olio di cocco in realtà si presenta come un burro. Ha la caratteristica di solidificarsi ad una temperatura inferiore ai 25°. Per ottenere la consistenza dell’olio scaldatelo a bagnomaria o sul termosifone 😉

4 cioccolatini poggiati su un piatto e uno di questi tagliato a metà lascia intravedere il ripieno al cocco

Bounty al cocco crudisti

Chi non conosce il Bounty? Il delizioso snack da gustare a merenda o magari a fine pasto. Ve ne propongo una versione più salutare con questi cioccolatini crudisti ripieni al… Dolci Bounty al cocco crudisti USA Stampa
Porzioni: 4 Tempo di preparazione: Tempo di essiccazione / refrigerazione:
Nutrition facts: 200 calories 20 grams fat
Valuta 5.0/5
( 1 votato )

INGREDIENTI

Per il ripieno

  • 1 tazza di cocco in scaglie
  • 1/3 di tazza di acqua
  • la punta di un cucchiaino di stevia

Per il cioccolato

  • 1 tazza di cacao amaro crudo
  • 1/2 tazza di olio di cocco

INDICAZIONI

Per il ripieno

  1. Frullare le scaglie di cocco con l'acqua e la stevia fino a creare un impasto omogeneo. Non dev'essere una crema liscia ma deve rimanere abbastanza granulosa.
  2. Mettere il cocco in delle formine e riporre in freezer per 15 minuti.

NOTE

Vi consiglio di tenerli in frigorifero, a temperatura ambiente reggono abbastanza bene, ma perdono la croccantezza del ciocccolato solido 😉

CIBO CRUDO CIBO CRUDO

You may also like

18 commenti

stefy2801 30 Maggio 2013 - 13:25

ciao, non voglio fare la saputella, e il mio commento non è per nulla polemico, ma mi risulta che l’olio di cocco sia una delle cose più dannose per la salute in quanto composto quasi esclusivamente da grassi saturi…

Rispondi
Lorena La Rocca 7 Giugno 2013 - 13:52

Ciao Stefy2801, i commenti sono sempre bene accetti. Crediamo tu confonda il burro di cocco con l’olio di palma. L’olio di palma è ritenuto dannoso per l’alto contenuto di grassi saturi tanto elevato da avere spinto l’Organizzazione Mondiale della Sanità ad affermare come esso possa costituire un fattore di incremento del rischio di andare incontro a malattie cardiovascolari. Il burro di cocco, ha di contro, svariate proprietà benefiche per l’organismo. Puoi cercare sul web le informazione specifiche che riguardano questi due prodotti, troverai solo informazioni positive sul burro di cocco.

Rispondi
LaMichi 10 Giugno 2013 - 13:41

Ciao, sembrano veramente buoni questi ciocccolatini!
Che differenza c’è fra il burro di cocco e l’olio di cocco?
Grazie mille e ciao

Rispondi
Gabriele 10 Aprile 2017 - 09:29

In realtà la differenza è data dal contenuto di burro, privo nell’olio. I 2 prodotti sono infatti diversi anche alla vista: il burro è più granuloso.

Rispondi
Lorena La Rocca 10 Giugno 2013 - 14:17

Ciao LaMichi, ti consigliamo di farli, sono buonissimi!
Non c’è nessuna differenza, l’olio di cocco si solidifica ad una temperatura inferiore ai 24° diventando burro!

Rispondi
LaMichi 10 Giugno 2013 - 15:59

Perfetto, allora ho tutti gli ingredienti! Grazie 🙂

Rispondi
NocciolinaV 15 Dicembre 2013 - 20:37

Ciao! Quanta stevia nella copertura al cioccolato??
Grazie! 🙂

Rispondi
Lorena La Rocca 21 Dicembre 2014 - 20:15

Ciao NocciolinaV, la stevia va dosata a gusto, ti consiglio di cominciare con la punta di un cucchiaino, nel caso ti sembrasse poco dolce, puoi aggiungerne ancora 😉

Rispondi
Susy 5 Dicembre 2014 - 18:25

Ciao Lorena e Lamichi, io so che la differenza è tanta tra il Burro di cocco e l’Olio di cocco, sono due prodotti distinti e separati.
L’olio di cocco è quello che viene fuori dalla spremitura della noce di cocco, per es l’olio di oliva! Serve per cucinare e condire o come nutriente per pelle e capelli.
Invece il burro è una crema, tipo crema di nocciole o mandorle! e la spalmi o ci fai i dolci.
Forse tu usi un prodotto diverso?
grazie 🙂

Rispondi
Lorena La Rocca 21 Dicembre 2014 - 20:18

Ciao Susy, molto probabilmente è come dici tu. L’olio di cocco è un altro tipo di prodotto. Grazie per le tue delucidazioni 😉

Rispondi
bibi 9 Marzo 2016 - 22:15

Quando compri il burro di cocco noterai che in un barattolo di vetro c’è, molta divisione con l’olio di cocco, che resta sulla parte superiore, tutto quello che devi fare è immergere il vaso di vetro in poca acqua calda per qualche minuto per ammorbidirlo, quindi mescolare bene per combinarlo, ma se si separa di nuovo, basta ripetere il processo.

Rispondi
Lorena La Rocca 11 Marzo 2015 - 16:44

Aggiornamento del 11/03/15
Mi sono un po’ documentata sull’argomento burro di cocco. Ho scoperto che l’olio e il burro sono due cose diverse. L’olio si presenta liquido nei climi più caldi e come burro in quelli più freddi. Fonde infatti a 24° e comincia a solidificare intorno ai 15°.
Invece, il burro di cocco vero e proprio è simile ad una crema spalmabile.

Rispondi
Susy 15 Febbraio 2016 - 09:54

Ciao Lorena,
dopo un pò mi sono ritrovata a rileggere che hai capito la differenza tra olio e burro!
Mi avevi fatto venire i dubbi, visto che una raw chef diceva che non ci fosse differenza tra olio e burro di cocco, credevo che stavamo parlando di prodotti diversi o non ci avevo proprio capito nulla, e li usavo da anni sbagliando.
Mi rincuori che alla fine era come dicevo io 🙂

Rispondi
Lorena La Rocca 10 Marzo 2016 - 10:03

Ciao Susy, sai la conoscenza è sempre in evoluzione, e ringrazio te per avermi messo la pulce nell’orecchio 😉 Come vedi avevi ragione, i prodotti sono totalmente diversi!

Rispondi
Proprietà del cocco e prodotti derivati 29 Luglio 2015 - 15:32

[…] Vi consigliamo di provare una nostra ricetta dove le scaglie formano il composto interno del Bounty crudista. […]

Rispondi
Biagio 17 Febbraio 2017 - 09:25

Ciao stamattina mi sono alzato con io mio solito mal di pancia ormai fisso ogni mattina poiché da anni soffro di intestino irritabile e difficoltá digestive…..accendo il cellulare e trovo voi …..avevo già sentito parlare di dieta crudista e sono un forte sostenitore del biologico tanto da avere io stesso una azienda agricola di prodotti bío…mq soprattutto ritengo che tutto ciò che noi facciamo andando contro natura sia dannoso a prescindere….perché la natura è perfetta è una macchina collaudata da millenni ma noi cerchiamo sempre di mettergli i bastoni tra le ruote…basterebbe pensare come fossimo uomini primitivi cosa mangeremmo se non ci fosse il fuoco e tutta la tecnologia?ecco la risposta….detto questo vorrei provare ad avvicinarmi a questo fantastico mondo crudista datemi il benvenuto e qualche consiglio baci….

Rispondi
Gabriele 10 Aprile 2017 - 09:33

Ciao Biagio e benvenuto. Il mio consiglio è di integrare il crudo piano piano per abituarti a questo stile alimentare. Mangia soprattutto frutta e verdura, mantenendo la prima lontana dagli altri pasti.
Per l’irritabilità dell’intestito prova a fare 2/3 giorni di sola crema di riso (scuoci il riso in rapporto 1-7 con acqua e lo frulli). Ti aiuterà come ha aiutato me quando avevo il tuo stesso problema. Evita spezie pesanti, e cibi che scaldano come il cacao.

Rispondi
Daniela 29 Novembre 2017 - 23:35

Domanda..ma se non avessi l’olio di cocco e al suo posto utilizzo un altro olio tipo olio di oliva, non andrebbe bene?

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza. Crediamo tu sia d'accordo, ma puoi sempre decidere il contrario se lo desideri. Accetto Leggi di più